Si, questo è un altro blog sui fumetti. E come suggerisce il nome, indica una malattia: la dipendenza dai fumetti.

Benvenuti nell'ennesimo posto del web, saturo di dissertazioni e soliloqui, commenti e suggerimenti sulla nona arte.
Perchè fondamentalmente, chi ama i fumetti, non ne hai mai abbastanza, e non solo di leggerli, ma nemmeno di pontificarci sopra.

I tag non bastano? Allora cerca qui


Fumettopenìa è dedicato a Fumettidicarta ed al suo papà Orlando, che dal 2009, non ha mai smesso di farmi credere che scrivessi bene! Anzi scusate, che scriverebbi bene. E se adesso migliorato, lo devo sicuramente ai suoi incessanti consigli.

giovedì 12 febbraio 2015

Il futuro dei fumetti: Scottecs.

Avete notato di cosa si parla in questi giorni?
La condanna di 16 anni di reclusione a Schettino, ed il successo, in termini, di vendite questo numero 1 di Scottecs Megazine della Shockdom.
Dovete soffermarvi per un attimo su questa cosa, è importante, su cosa siano le notizie italiane oggi, la condanna di Schettino e Scottecs, ah c'è anche Siani che scivola paurosamente umiliando un bambino in sovrappeso, in prima serata a Sanremo. Ma questa è un' altra storia. Sempre tutta italiana.
E Siani comunque è un comico estremamente sopravvalutato.

Ora, è normale scandalizzarsi realizzando che questo Scottecs Megazine sia la cosa più venduta, probabilmente dai tempi dei primi volumi di Zerocalcare?
Mah dipende, forse si, forse no, di certo fa riflettere su un sacco di cose, e la qualità di questo materiale è solo l'ultima.
Prima che vi affannate a leggere tutto il pezzo, meglio fare subito coming out: la qualità in questo albetto non c'è. Ma per quello magari ci arriveremo alla fine, perchè qui da noi quando dici che una cosa fa schifo, ups volevo dire TI fa schifo, e questo Scottecs fa schifo, parecchio schifo, devi argomentare ed anche bene, altrimenti non vale.
Devo prendere tempo, è la prima volta che mi tocca argomentare la cacca, manco fossi un gastroenterologo.
Quello su cui però, mi preme più di tutto concentrare l'attenzione è il pubblico.

E' assolutamente fisiologico che uno come me si scandalizzi, per Scottecs, per sfogliarlo ho messo da parte due autentici capolavori, i due adattamenti a fumetti della tetralogia di Wagner, L'Anello dei Nibelunghi,  quello di Thomas e Kane (Comic Art) e quello di P. Craig Russell (Lexy), direi che è normale, sfogliandolo chiedersi, in merito al successo di vendite, cosa hanno in testa i ragazzi oggi.
Prima di ieri non sapevo chi fosse Sio, non avevo la più pallida idea di cosa fosse Scottecs, ma per darvi un idea del soggetto, intendo di me, io prima che finissero sulla mia bacheca con la parodia di Gomorra, non avevo nemmeno idea di chi fossero The Jackal, insomma sono un estraneo in certi ambienti, e vivo la mia ignoranza tutto sommato con una certa compostezza e tranquillità, le poche volte per esempio ho cercato di avvicinarmi a questo tipo di media, di adeguarmi a questo nuovo tipo di comunicazione è sempre finita tra sonori sbadigli.
D'altro canto a mente più distaccata è possibile anche rispondere alla domanda in maniera razionale: è normale il successo di questo numero 1?
Si in ultima battuta, questo minuscolo stupro cartaceo a tutto quello che io credo sia il fumetto, è la monetizzazione di un canale youtube molto cliccato, i motivi per cui sia seguito dopo aver dato una sbirciata a qualche video, restano a me ignoti. Ma sulle argomentazioni del perchè sta roba mi fa cagare, chè mi fa cagare, fa tanto ciovane scostumato, perchè oggi i ciovani quando parlano, parlano così, lo diremo più in la forse.
Scottecs rientra in quella categoria di attività, ormai non più sottovalutate, su cui il capitalismo italiano ha messo le sue avide mani. Parliamo di agenzie di marketing che arruolano disadattati o semplicemente nullafacenti con manie di protagonismo e li trasformano in galline dalle uova d'oro su youtube. Il segreto è tutto nelle visualizzazioni, un canale in pratica con molte visualizzazioni è coperto da annunci pubblicitari, che in pratica sossordi, per citare qualcun'altro che su Youtube ha fatto la sua fortuna, ed ora è al cinema a dipingere una meravigliosa istantanea dell' italiano medio.
Ma è un meccanismo questo già vecchio, funziona anche per i blog, e per le app, più un app gratuita è scaricata più e probabile constatare che nell' aprirla è piena di banner pubblicitari. In genere sta roba funziona con i giochilli per rincoglioniti con i quali scaricate le batterie dei vostri cellulari, col risultato che siete irreperibili per il resto della giornata.
Scottecs insomma non è poi così diverso dal successo televisisvo di Clio Makeup, la tipa che per anni si è truccata davanti ad una webcam, dando lezioni di makeup, finchè non è stata scritturata da Real Time per un programma televisivo tutto suo.
Quindi messa in questi termini, questa cagata di Scottecs, ops vi chiedo scusa ho ricominciato a parlare ciovane, è normalissimo che sia uscito dal monitor e sia finito in edicola, probabilmente quello che irrita i puristi del fumetto è proprio cosa ha occupato dopo aver raccolto consensi sui monitor d'Italia, probabilmente se fosse finito su Italia 1, o MTV nessuno di noi ne starebbe parlando, per me sicuramente avrebbe continuato ad essere una cosa sconosciuta, perchè della tele faccio davvero a meno considerando i casi umani che la popolano.
Il fatto è che da clip animate senza alcun significato, Scottecs, è diventato un fumetto di strip senza alcun significato, è questo forse che irrita o scandalizza, perchè nel vederlo, e nello scoprire che è addirittura esaurito, vedi chiaramente la paralisi dell'editoria italiana.
E si, perchè se per commercializzare iniziative editoriali di sicura risposta del pubblico dobbiamo, scusate, devono ripiegare su fenomeni da baraccone del web, vuol dire che il fumetto in Italia è più che morto.
E' uno dei rari casi insomma in cui la stampa ha beffato la televisione, fregandogli da sotto il naso l'ennesimo genio italiano.


Eh si perchè poi è quello che succede: fiumi di parole, ed è la solita vecchia solfa che la storia la scrivono i vincitori.
E quindi senti dire in giro che questo Sio è un genio,e la Shockdom, di cui non hai  mai sentito parlare in vita tua in tanti anni di letture di fumetti, è un editore coraggioso e con fiuto imprenditoriale.
Ed il tuo senso di alienazione cresce, il divario generazionale si fa grosso, talmente grosso che senti persino il vento che ulula nella gola che ti separa da questi giovani d'oggi e dai un'altra occhiata all'albo, che intanto su ebay è già venduto a cifre da capogiro, e rileggi la pagina con l'albero saggio, quello che vuole il caffè, ma non riesce a berlo, li rileggi ancora e ancora, provi al contrario, sottosopra, prima chiudendo un occhio poi l'altro, e tu non ridi, ridono tutti cazzo, tranne te.
Apri il canale youtube di 'sto tizio, e la prima cosa che noti, tu che sei vecchio e pratico, è che a momenti il video dura quasi quanto la pubblicita che lo precede, ti vedi il pesce magico, che alla fine della clip diventa Obama, e tu continui a non ridere. Ti fa ridere tutt'altra cosa, i commenti, ti fanno ridere gli italiani, e cosa sia diventato da noi il concetto di meritocrazia, ti fa ridere questa fiera delle vanità, questo inno alla demenza, alla mediocrità, ti fa ridere questa distorta e contemporanea visione del sogno americano made in Italy.
Ti fa ridere perchè ogni tre o quattro commenti c'è qualcuno che chiede "Scusa che programma usi?"
La gloria alla portata di un click.
Centinaia di eredi ed aspiranti tali.
La preparazione è un dettaglio trascurabile.
Ho tentato di darmi qualche risposta sul successo di questo...questo..questo coso.
E credo sia la mediocrità. Ed è questa la cosa che non fa ridere per nulla, perchè il pubblico di queste iniziative sono i giovani, ed ai giovani stiamo insegnando che nella vita non serve assolutamente a nulla la qualità e la preparazione, è tutta una questione di...di cosa? Di culo? Di contatti giusti?
Di visualizzazioni. E pensi: Cazzo come è illuminante il Birdman di Innarritu visto proprio in questi giorni.
Poi pensi al prezzo, e li si che ti incazzi. Per anni da blogger ti sei ritrovato a discutere con il mondo fumetto per via dei costi, e questo albo, questa stronzata, è lessico ciovane, i ciovani si sa sono ribelli, non solo è privo di contenuti ma viola tutte le leggi del mercato con cui ti giustificavano i prezzi dei fumetti: 63 pagine in bianco e nero (quindi non è a colori) è un formato minuscolo (la Bao ha una cattedra sulle grandezze dei fumetti e lo spreco di carta), ad occhio e croce direi che è più piccolo anche di un bonellide, ha una distribuzione da edicola (trimestrale), quindi il costo dovrebbe essere inversamente proporzionale alla sua capillare tiratura e distribuzione, il costo dovrebbe essere abbattuto, invece costa ben 4€.
No dico 4€, non costa così tanto perchè è una tiratura limitata, non è una autoproduzione con distribuzione in fumetteria, non è a colori o che so io, costa così tanto perchè ha visualizzazioni su youtube.
Costa così tanto non perchè l'autore sia la promessa del fumetto italiano, costa così tanto perchè è tra le cose più cliccate su Youtube, in una terra parallela dove il canale video più visto  è Youporn immaginatevi che riviste potreste trovare in edicola. Oè Basta sognare tornate qui.
E' questo che non fa ridere, al contrario fa pensare.
Come fa pensare l'introduzione di un certo Andrea H. Sasta, una marchetta che aggiunge nuovi significati alla parola marchetta, che vuole convincermi della genialità dell'autore della sua padronanza del media fumetto comico, uno che faccio fatica anche a chiamare cartoonist definito una persona dal grande talento perchè fa ridere la gente, e via di nuovo con la testa nell'albo, nel bricolaggio stavolta, a cercare questo talento nella esilarante gag su "Come si costruisce un iphone".
Nulla e le cose all'imporovviso diventano due:o sei diventato un musone invecchiando, o questi, tutti, i lettori, l' editore, l'autore e l'editorialista stanno fuori, fuori di brutto, completamente fottuti dal linguaggio superficiale ed iperveloce di internet, alla fine della lettura della marchetta di questo Andrea, non so se sia più irritante l'introduzione o il resto del pattume che arriva dopo.
Andrea che scrive per Lercio, sapete cos'è? Boh io non lo so, per mè è una notifica web sulla mia home di facebook, nient'altro, io leggo fumetti. Basta.
Sarà un'altra web-cosa che brama il potere della visualizzazione, niente più, la fiera della vanità e della mediocrità che non chiude mai , non chiude e si auto-celebra in un continuo loop infinito, basta il tasto refresh.
"C'è un equilibrio etereo che tiene su tutto e che lo unisce ala scintilla del grande sorriso universale." Straparla Andrea, in quelle pagine è immerso in un magma creativo, ed io riapro questo...questo...coso, mi cadono gli occhi su  "Il posto riservato", e dopo averlo letto, quello che sento cadere sono le mie palle.
Sipario.

Tutti ridono.
E' bello Scottecs? No.
Fa ridere? No.
E' una spesa sostenibile? No.
E' il successo dell'anno? Si. Ma da lettore di fumetti lo direi con meno orgoglio.
Scottecs è senza senso, noioso, pretenzioso, e non è nemmeno un fumetto, inutile lasciarsi andare ad inutili pontificazioni su cosa sia un fumetto, sui social c'è gente che mi ha tirato in ballo i saggi dell'autore di Zot! per convincermi che questa cosa sia un fumetto, no Scottecs Megazine non è un fumetto, se lo chiamano tale è solo perchè è stato presentato a Lucca, una mostra che ormai col fumetto ha ben poco da spartire. E' un appropriazione indebita al concetto di nona arte, fatto magari senza malizia da questo Sio, ma con tutta la cosciente avidità di chi lo ha infilato a forza in un contesto fumettistico.
Un triangolo in un quadrato per citare questo Andrea H. Sesta che scrive per Finzioni Magazine e Lercio.  
Minchia il curriculum.
Una forzatura.
E' merchandising, ed è per un pubblico che di fumetti forse conosce poco e capisce anche meno.
Gli auguro cento numeri, mille numeri, ma non chiamatelo fumetto, Perchè questo coso sta ai fumetti, come una bistecca sta nel piatto di un vegano.
Quindi lasciate perdere, magari riuscite ancora a vincerla la guerra contro il vostro già ipertrofico deficit dell'attenzione, Scottecs non è una lettura, è uno status simbol, non ha riportato nessuno in nessuna edicola, e di sicuro non ha avvicinato nessuno al media fumetto, semmai ha dato una pericolosa picconata al significato di fumetto, ed in una società in cui un concetto è valido solo se è condiviso in più bacheche, far passare questo messaggio, questo concetto di fumetto, è una cosa pericolossisima.
Occhio, io torno al mio adattamento a fumetti di Wagner, voi liberi di rincoglionirvi come meglio credete.
Baci ai pupi.

19 commenti:

  1. "una marchetta che aggiunge nuovi significati alla parola marchetta ": fenomenale.
    Ho già detto quello che avevo da dire al riguardo: la pochezza piace, il nulla vende e quindi è "di qualità". Sempre nulla rimane, ma di qualità, oh.
    Basta però, che coglioni con sto Sio.

    RispondiElimina
  2. Recensione stupenda!
    Il volume un po meno...

    RispondiElimina
  3. https://www.youtube.com/watch?v=zehSKo5CJWY

    RispondiElimina
  4. Ormai il criterio con cui si promuovono autori&artisti è il crudo numero di visualizzazioni. Ci si può legittimamente chiedere quali e quanti autori avremmo perso negli anni ottanta o novanta promuovendo solo chi "vendeva di più".

    RispondiElimina
  5. Se per il rilancio bonelli si è scelto un autore che in pratica vive in rete fidelizzando followers con la sua attività extra fumettistica piuttosto che puntare su autori con idee vere, un motivo ci sarà.

    RispondiElimina
  6. Al terzo "perchè" scritto con accento grave sono imploso ed ho dovuto smettere di leggere. Ed avevo pure già sopportato "un idea" senza apostrofo e un "si" senza accento... la qualità della critica italiana è questa? Cristo, certa pochezza uno se l'aspetterebbe da un sms di una quindicenne (non che le quindicenni mi mandino sms, eh).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...dici che mi serve un correttore di bozze? Ora se in questo commento sei convinto di avermi colto con le mani nel sacco della grammatica italiana, beh contento te Luca, sei sicuro che hai smesso di leggere per via degli errori di battitura, e non perchè hai un leggero deficit dell'attenzione? Magari sei un tipo da tweet. Non lo escluderei a priori. Nel mettere on line questo post ero cosciente di dover leggere commenti come il tuo.benvenuto. ;)

      Elimina
  7. Detto questo non so come scrivano le quindicenni...non ci chatto tramite SMS, credo la pedofilia sia ancora reato, checchè ne dicano i tubers. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. #gennarononmentire
      #soloinvidia
      #noisiamoicccciovani

      Elimina
    2. #gennarononmentire
      #soloinvidia
      #noisiamoicccciovani

      Elimina
  8. Ho l'impressione che Voi (il Voi è d'obbligo vista la supponenza che Voi usate, mi disegna un profondissimo cultore del Fumetto), Sig. Cardillo (e spero non siate il Gennaro Cardillo a processo per Camorra...) proviate invidia.
    Vi chiedo se, di nuovo, dato che Voi siete un profondo conoscitore e, probabilmente, autore di fumetti, dall'alto del Vostro scranno computer-munito possiate dare un giudizio senza insultare il lavoro di altri e le persone che si divertono, non solo a farlo, ma anche a seguirlo.
    Non vorrei che la Vostra evidentissima frustrazione (probabilmente per un Vostro lavoro mai pubblicato) Vi faccia risultare superficiale, arrogante e poco preparato per dare un giudizio.
    Perché è proprio di giudizi, di gusti, che si parla.
    E se una cosa a Voi non piace, non significa che siano escrementi.
    Perché se Voi aveste avuto voglia di dare un giudizio vero, non solo non avreste ricorso agli insulti, ma avreste dovuto informarVi meglio, leggendo quello che la Rete offre su Sio, su Shockdom e su molto altro.
    Dato che Voi non Vi siete presi la briga di perdere tempo a cercare le informazioni che Vi sarebbero state utili, ma lo avete perso per scrivere questa "cosa" che qualcuno chiama recensione (io invece l'avrei chiamata "perché-gli-altri-riescono-a-farsi-conoscere-con-cose-semplici-mentre-io-no-?"), provo a raccontarVi io un paio di cose. Ma non Vi preoccupate, proprio poche cose.

    Sio ha sempre scritto e disegnato fumettini, strisce, fin dalle elementari. Si divertiva e divertiva gli altri. Ha continuato a farlo. Il suo marchio di fabbrica è l'Assurdo e il Non-sense, avete presente? Quello che ha fatto la fortuna di autori teatrali come Ionesco, di autori di fumetto come Leo Ortolani, di registi cinematografici come Mel Brooks... Avete presente? O Ve li devo spiegare? Certo con le differenze del caso, perché nessuno dice che Sio sia lo Ionesco del fumetto, ma è questo il suo linguaggio.

    Andrea H. Sasta non so chi sia. Ah! Aspettate! Voi volevate dire Andrea H. Sesta. Con la E al posto della A. Anche qui, un attimo di più attenzione e si sarebbe evitata la gaffe. Sarà per la prossima volta.

    Lercio è un blog di satira, non è soltanto una notifica sulla vostra pagina di Facebook (anche se mi chiedo come possa essere possibile che Voi abbiate messo un "mi piace" ad una pagina così comicamente becera, dato la Vostra alta preparazione non solo culturale...).

    Quindi Vi consiglio vivamente di scrivere, di argomentare e di arrabbiarsi di cose di cui si conoscono veramente tutti i dati e gli elementi, altrimenti si fa la becera figura di una volpe troppo pigra per raggiungere il grappolo d'uva.
    Che poi la volpe era andata via lamentandosi tra sé, non aveva morso o sbranato chi beve vino.

    P.S.: Non devo dichiarare il mio CV per giustificarmi, ma il Vostro errore è proprio di mettervi su uno scranno. Potevate dare un semplice e umano giudizio. Invece avete definito "cacca" il lavoro di altre persone e insultato chi segue e legge Sio. Non proprio elegante.
    Credo ci siano dei gruppi di ascolto per questi problemi qui.

    P.P.S.: Mi dite dove posso trovare notizie su di Voi? Perché se digito "Gennaro Cardillo" su Google mi viene fuori principalmente il camorrista. Vorrei sapere Chi siete, quale è stato il Vostro percorso artistico, quali sono i Vostri lavori e quali sono quelli ai quali avete collaborato. Vi ringrazio.

    P.P.P.S.: La Vostra "recensione" mi ha fatto proprio divertire. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualsiasi filippica possiate scrivere non cambierà mai il fatto che questo fumetto è una merda.

      Elimina
  9. Cioè hai commentato sia qui che sulla pagina facebook con le stesse parole? non so se essere lusingato o temere di aver adescato un pericoloso stalker. Cmq basta mi hai scoperto, sono un camorrista, ed ho già messo in moto alcuni miei delfiniper rintracciare il tuo IP, spero per te non sia di quelli fissi, a breve verremo a prenderti, faremo di te un esempio a rispettarci, e i tuber invece faranno di te un martire. sorridi Marco De Cassan. Adesso però dai basta prendi una tisanuccia e calmati.

    RispondiElimina
  10. Ma quindi ti è piaciuto o no? Non si capisce dall'articolo.

    RispondiElimina
  11. Penso che se Sio ha venduto cosí tanto vuol dire che c'è gente (tanta gente) alla quale piacciono i suoi fumetti e alla quale fa ridere. E ti assicuro che non sono tutti babbei o "rincoglioniti" ma semplicemente gente a cui piace questo stile e che stima l'autore.
    Sio ha trovato un'idea geniale, sí, e lo voglio anche sottolineare, perché questa idea, questo suo stile ovvero questo umorismo di storie senza alcun senso o ricercatezza nel disegno, ha avuto successo, ha richiamato migliaia di persone. E per riuscirci si é impegnato, non é stato passivo a grattarsi la pancia. Sio ha trovato questo stile, semplice, perché nessuno puó negarlo, questo umorismo, senza senso, perché nessuno puó negarlo, ma l'ha trovato, e ha avuto successo. E per questo é un grande autore, perché ha fatto ridere migliaia di lettori.
    É tutta questione di piace e non piace. A te non piace? Ti fa cagare? Nessuno ti obbliga a comprare i suoi fumetti, nessuno ti obbliga a spendere ben 4€ per il suo trimestrale.
    Concludo e ti consiglio prima di odiare a spada tratta prova un pó a mettere da parte l'invidia.

    RispondiElimina
  12. Ahahahahahah.. Beh, se per te chiunque esegua una lettura di tale fumetto é tassativamente un rincoglionito, stai messo proprio bene!
    Io lo leggo e apprezzo il suo stile, ma leggo anche fumetti più colti.
    Beh, come si dice.. l'invidia é il tormento dell'impotenza.. spero tu abbia capito che l'autore di questo fumetto si impegna molto, non é che in un batter d'occhio termini il suo lavoro trimestrale (contando anche i video), se é questo quello (presumendo) che ti rode.

    RispondiElimina